“GUIDA IDENTITÀ GOLOSE” 2017

“GUIDA IDENTITÀ GOLOSE” 2017

Un nuovo importante riconoscimento per “Casa Perbellini”: a Barbara Manoni il Premio Kettmeir come Miglior Maître di sala d’Italia. Stamane a Milano, alla presentazione della decima edizione della Guida Identità Golose, è arrivato un nuovo importante riconoscimento per “Casa Perbellini”. Grande soddisfazione per Barbara Manoni, direttore di sala del ristorante scaligero dello chef pluristellato Giancarlo Perbellini, che nel corso della mattinata si è aggiudicata il premio Kettmeir come miglior maître di sala nazionale, conferitole per “la grazia, la profonda competenza in cammino e l’assoluta attenzione ai dettagli tra i tavoli di “Casa Perbellini””.

“Ringrazio Identità Golose per avermi conferito questo importante riconoscimento e ringrazio lo chef Giancarlo per avermi permesso di aggiungere al mio curriculum quest’ultima esperienza a Casa Perbellini.” dichiara Barbara con profonda commozione “Una giusta evoluzione di come intendo oggi il mio lavoro di sala: un contatto “intimo” tra la sala-cucina e cliente, visto che quest’ultimo può godere dell’atmosfera di “Casa Perbellini”. Una semplicità apparente fatta di mille attenzioni che permettono di ricordare il momento vissuto da noi, uno scenario unico che la cucina a vista regala.” 

Marchigiana di Ostra Vetere, in provincia di Ancona, Barbara Manoni comincia la sua avventura in sala quasi per gioco, ma le esperienze nei grandi ristoranti italiani (Uliassi, Madonnina del Pescatore, Clandestino, Osteria Francescana) segnano per sempre la sua strada. Dalla sua apertura nel 2014, affianca lo chef Giancarlo a “Casa Perbellini”, in piazza San Zeno, nel cuore di Verona. Il ristorante vanta due stelle Michelin e di recente è entrato a far parte de gruppo dei quindici migliori locali d’Italia, conquistando la valutazione di eccellenza di “quattro cappelli” nella Guida dell’Espresso 2017.

*Credits Photo: Giorgio Marchiori


Cerca nel sito
Download PressKit
Archivio annuale
Gallery e Creazioni
Gli articoli più letti di Giancarlo Perbellini.